Aldo Conforto attore e regista di teatro
  • Aldo Conforto copertina 1
  • Aldo Conforto copertina 2
  • Aldo Conforto copertina 3

Aldo Conforto attore regista di teatro

Nato a Catanzaro nel 1945

Da cinquant'anni si dedica al teatro classico come attore e regista. Ha acquisito una grande popolarità nella città di Catanzaro per le tante collaborazioni e messe in scena di commedie di vario genere; sempre con tanta dedizione e spirito di collaborazione ad amici professionisti e non , del mondo del teatro e dello spettacolo. Tutt'oggi nella provincia di Catanzaro si dedica anima e corpo sia nelle vesti di attore e sopratutto come regista dell'Associazione culturale “Teatro di Calabria - Aroldo Tieri”, intitolata al celebre attore calabrese, è nata nel gennaio 2010. In queste pagine sono raccolti svariati articoli di giornale ed informazioni riguardanti gli spettacoli ed iniziative teatrali, che sono stati rappresentati nei teatri e nelle varie piazze della provincia di Catanzaro, in questi ultimi anni.

Edipo e la tragedia della conoscenza in scena al San Giovanni

Grande attesa per 'Graecalis' di Teatro di Calabria

articolo del 10 Luglio 2016Tutto pronto per l'edizione 2016 di “Graecalis – Il vento della parola antica”, terzo ciclo di rappresentazioni classiche a cura del Teatro di Calabria: nel suggestivo scenario del complesso monumentale del S. Giovanni, verrà inaugurata la rassegna con la messa in scena di “Edipo Re”. L'appntamento è per i giorni 13 e 14 luglio e 26 e 27 luglio.  

L’attività del Teatro di Calabria è volta alla rielaborazione ed alla diffusione del patrimonio culturale della civiltà occidentale, a partire dalla Grecia antica fino ai nostri giorni.
In tale quadro prende vita "Graecalis - Il vento della parola antica": un'iniziativa che sta lasciando un profondo segno nella città, riscuotendo entusiasmo e grande partecipazione ed interesse da parte del pubblico (circa 1200 presenze registrate nella scorsa edizione).
Nel cartellone di quest'anno, i cui appuntamenti si svolgeranno nei mesi di Luglio e Settembre, è previsto l'allestimento della Tragedia “Edipo Re” di Sofocle e della commedia “L'avaro” di Molière.
Debutto dunque affidato alla tragedia di Sofocle, una delle opere più significative dell'intero patrimonio drammatico della classicità: punto focale della vicenda è la figura di Edipo, uomo di riconosciuta saggezza, oggetto di un terribile destino che lo rende al tempo stesso inconsapevole carnefice e vittima colpevole. La tragicità della conoscenza, l'eterna lotta tra Volontà divina e responsabilità individuale e la fragilità della figura umana rendono tale opera una delle pietre miliari del pensiero universale etico e filosofico.

 “Il nostro progetto è ambizioso -trasformare Catanzaro in un secondo polo della cultura classica nel Meridione- ma l'entusiasmo e l'attenzione dimostrata dalla Città e non solo ci conferma che la via intrapresa è quella giusta da seguire per contribuire in modo significativo alla rinascita artistica e sociale di Catanzaro”, afferma Anna Melania Corrado, presidente del Teatro di Calabria.
“Dobbiamo conoscere la profondità e la forza delle nostre radici per avere buoni frutti. La possibilità di donare ai più giovani un'identità culturale consapevole e solida passa solo attraverso la riscoperta dell'importanza e del valore della Memoria”, così affermano Aldo Conforto e Luigi La Rosa,  motori intellettuali dell'iniziativa  che oramai è alle porte.

L'allestimento, con riduzione a cura di Luigi La Rosa, vedrà in scena gli attori della Compagnia del Teatro di Calabria Salvatore Venuto, Paolo Formoso, Alessandra Macchioni, Mariarita Albanese, Marta Parise, Anna Maria Corea, Faustina Bagnato e Clizia Argirò. Sul palco anche gli allievi della Scuola di Danza “Maison d'Art” del M. Francesco Piro.   
Regia a cura di Aldo Conforto.   

 

Fonte articolo :

10 Luglio 2016 - http://www.catanzaroinforma.it

 

Al Marca l'Anteprima dell'edizione 2016 di “Graecalis-Il vento della parola antica”

Entusiasmo e grande partecipazione ieri al MARCA di Catanzaro per l'Anteprima dell'edizione 2016 di “GRAECALIS -Il vento della parola antica”, ciclo di rappresentazioni classiche a cura del Teatro di Calabria che di anno in anno, suscita sempre maggiore attesa ed interesse nella cittadinanza. immagine articolo WebOggi del 26 Giugno 2016Un'attesa che il TdC ha voluto vivere insieme al pubblico, chiudendo un ciclo e aprendone un altro: è stata infatti precisa scelta della Compagnia voler concludere la fortunata rassegna di “POIESIS -Progetti d'Arte” -realizzata con il patrocinio della Provincia di Catanzaro e della Fondazione Guglielmo- con l'inaugurazione di “GRAECALIS”, dando così chiara idea della volontà del TdC di fornire un costante contributo alla vita artistica e culturale di Catanzaro.    

Una serata ricca e intensa, che ha visto come perno fondamentale dell'incontro la Tragedia Greca, le cui istanze artistiche e caratteristiche sono state presentate dal prof. Luigi La Rosa. Particolare rilevanza è stata data alla figura del Messaggero, uno dei personaggi più interessanti presenti nella struttura tragica classica: alcuni monologhi tratti dalle opere di Euripide e Sofocle sono stati interpretati nel corso della serata. Il cuore della serata è stato però lo spazio dedicato alla presentazione di “Edipo Re” una delle più celebri tragedie di Sofocle che verrà rappresentata quest'anno da Luglio a Settembre all'interno del suggestivo scenario del Complesso Monumentale del S. Giovanni. “Edipo -ha detto il prof. La Rosa- è il punto focale della vicenda: uomo di riconosciuta saggezza, oggetto di un terribile destino che lo rende al tempo stesso inconsapevole carnefice e vittima colpevole. La tragicità della conoscenza, l'eterna lotta tra Volontà divina e responsabilità individuale e la fragilità della figura umana rendono tale opera una delle pietre miliari della tragediografia classica e del pensiero filosofico ed etico universale.” Gli attori della Compagnia del Teatro di Calabria Aldo Conforto, Salvatore Venuto, Mariarita Albanese, Marta Parise e Anna Maria Corea hanno proposto alcuni brevi e intensi estratti della tragedia, suscitando l'entusiasmo e l'approvazione del pubblico. Positiva la reazione a caldo di Rocco Guglielmo, presidente dell'omonima Fondazione e promotore di “POIESIS” : “Credo che la rinascita di Catanzaro passi principalmente dalle risorse umane che la città offre. Dobbiamo offrire tutto il sostegno necessario alla crescita ed allo sviluppo dei talenti locali, per promuovere un cambiamento sostanziale nella città”.  

“Il nostro progetto è ambizioso -trasformare Catanzaro in un secondo polo della cultura classica nel Meridione- ma l'entusiasmo e l'attenzione dimostrata dalla Città e non solo ci conferma che la via intrapresa è quella giusta da seguire per contribuire alla rinascita artistica e sociale di Catanzaro. Dobbiamo conoscere la profondità e la forza delle nostre radici per avere buoni frutti. La possibilità di donare ai più giovani un'identità culturale consapevole e solida passa solo attraverso la riscoperta dell'importanza e del valore della Memoria”, afferma Anna Melania Corrado, presidente del Teatro di Calabria. Appuntamento quindi al 13 e 14 Luglio al Chiostro del S. Giovanni, per il debutto sulle scene di “Edipo Re”: il vento della parola antica torna a soffiare su Catanzaro.

 

Fonte articolo :

26 Giugno 2016 - http://www.catanzaro.weboggi.it

 

Locandine - Teatro di Calabria "Aroldo Tieri"